PULIZIA DELLE STRADE: LA REPLICA DEL VUS AI MONITORAGGI DI CITTADINANZATTIVA L’azienda apre al confronto sui dati, ma auspica una maggiore sensibilizzazione dei cittadini “Ciò che non si fa in casa propria non si deve fare neanche in strada”

Riportiamo da www.tuttoggi.info del 2 agosto 2010

PULIZIA DELLE STRADE: LA REPLICA DEL VUS AI MONITORAGGI DI CITTADINANZATTIVA

I dati recentemente pubblicati da parte di Cittadinanzattiva, e riguardanti i monitoraggi settimanali del livello di pulizia della strade di Spoleto hanno provocato una prima reazione della Vus Spa.

I rilevamenti  come è noto vengono svolti direttamente dai cittadini, limitatamente alle zone di residenza. I dati vengono poi raccolti dall’associazione che stila un bilancio complessivo. Dopo le prime due settimane di monitoraggio, dal 12 al 18 e dal 19 al 25 di luglio, il bilancio presentato, raccoglie delle criticità che hanno provocato una riflessione da parte della Vus, società addetta alla manutenzione stradale.

Ecco la nota dell’Azienda:

“In merito a quanto rilevato dal monitoraggio sulle strade cittadine svolto da Cittadinanzattiva, per le funzioni di competenza di Valle Umbra Servizi, l’azienda si rende disponibile a un confronto per realizzare una rilevazione in grado di evidenziare lo stato di pulizia dopo il passaggio dei nostri mezzi. Monitorare lo stato delle strade subito dopo lo spazzamento, consente di capire come intervenire per migliorare le criticità evidenziate, rendendo evidenti le responsabilità di tutti soggetti: chi ha il compito della pulizia, chi di non sporcare, chi di controllare.

Apprezzando l’impegno di Cittadinanzattiva per migliorare la qualità dell’ambiente cittadino, dobbiamo sottolineare che per avere strade pulite è necessario il contributo di tutti, in particolare quando le risorse sono scarse e non è possibile avere un operatore in ogni via che raccolga continuamente i rifiuti via via gettati per strada o gli escrementi dei cani non raccolti dai proprietari.

Valle Umbra Servizi può certamente migliorare l’efficacia dei propri interventi, ma è anche indispensabile un maggiore rispetto per gli spazi pubblici da parte di tutti i cittadini. Se all’interno della propria casa non si gettano cartacce o cicche in terra, dobbiamo pretendere che questo non venga fatto neppure in strada. Sicuramente le istituzioni hanno il compito di verificare che i comportamenti corretti vengano attuati, ma poiché un controllo continuo del territorio non è fattibile, dobbiamo puntare a creare una cultura diffusa che responsabilizzi i cittadini e consideri i luoghi pubblici alla stregua di quelli privati e renda inaccettabile socialmente gettare una cartaccia in terra o non raccogliere gli escrementi del proprio cane.

L’efficacia degli interventi di pulizia di VUS sarebbe inoltre migliore se venissero rispettati i divieti di sosta per la pulizia delle strade, pur se ancora limitati a poche vie cittadine. Ad esempio, Viale Trento e Trieste, per la quale nel monitoraggio si dice che occorre maggiore personale per la pulizia, sarebbe più pulita senza un aggravio di costi, se durante il passaggio delle spazzatrici non ci fossero le auto ad ostacolare la rimozione dei rifiuti, come è previsto dai cartelli lungo la via.

Ampliando e riprendendo la collaborazione con Cittandinanzattiva, che l’associazione aveva intrapreso a suo tempo con la CSA, il vicepresidente di Valle Umbra Servizi, Giorgio Dionisi, afferma: “Auspico su questo tema la realizzazione di un tavolo di confronto con le istituzioni che a vario titolo si occupano della cura della città” e aggiunge “Interventi coordinati tra tutti i soggetti interessati consentiranno di avere spazi cittadini più curati e accoglienti.”