POVERTA’ IN UMBRIA: SE NE PARLA A TRE PUNTO LINEA PUNTO

     Dal quinto rapporto sulla povertà in Umbria emerge un dato significativo . In Italia e in Umbria la povertà si sta espandendo, si accanisce con chi già si trovava in condizioni di indigenza e si insinua tra le pieghe di nuove povertà. L’82% dei posti di lavoro perduti nel 2009 ha riguardato persone con età inferiore a 40 anni, soprattutto giovani.  Nel 2009 il 40% delle famiglie ha ridotto perfino i consumi alimentari. In Umbria le famiglie povere sono il 5,3%. Se consideriamo i redditi delle famiglie, fra tutti i 33 Paesi dell’Ocse, peggio di noi si trovano solo 5 nazioni: la Polonia, gli Usa, il Portogallo, la Turchia, il Messico. In Italia il 10% delle persone più ricche detiene il 43% della ricchezza. Dal 1993, nei lavoratori dipendenti i redditi sono aumentati del 4%, mentre negli imprenditori, liberi professionisti e commercianti, mediamente sono cresciuti del 30%. Sicché nel 2009, il 40% delle famiglie ha ridotto perfino i consumi alimentari, nel contempo, altri italiani hanno determinato l’incremento del fatturato delle aziende nel “ramo del lusso”.

  “L’Italia non è come ce la raccontano: abbiamo creduto di crescere e stiamo declinando, la nostra presunta “modernizzazione” è un piano inclinato verso la fragilità e l’arretratezza. E’ nello spazio sempre più ampio che si apre tra presunto benessere e fatica quotidiana del vivere crescono l’invidia, i rancori, le intolleranze.” È quanto afferma Marco Revelli nel suo ultimo saggio “Poveri, noi”. Marco Revelli insegna Scienza della politica  all’Università del Piemonte Orientale ed ha presieduto la Commissione d’indagine sull’esclusione sociale che ha stilato l’ultimo Rapporto sulle politiche contro la povertà e l’esclusione sociale.

 

Pierpaolo Marconi,  delle proposte di Marco Revelli per affrontare i temi della povertà,

venerdì sera 25/03/2011 alle ore 18,30,

ne parlerà con il Presidente della Gepafin – Finanziaria di Sviluppumbria,

ing. Giacomo Porrazzni,

ospite di Tre Punto Linea Punto, a Teleterni.