Categoria: CITTADINANZATTIVA

RU486: inaccettabile arretramento dei diritti e della tutela della salute delle donne. La Regione Umbria si impegni a riprogrammare efficacemente le prestazioni sanitarie dopo il lockdown e non tocchi un trattamento riconosciuto dalla comunità scientifica

Cittadinanzattiva dell’ Umbria –  Tribunale per i diritti del Malato disconosce  completamente la decisione della Giunta Tesei che con un colpo di spugna ha cancellato definitivamente il ricorso al trattamento farmacologico per l’interruzione

Continua a leggere