APPELLO AL SINDACO DI SPOLETO.PER IL PATRIMONIO PAESAGGISTICO E LA LIBERTA DI ESPRESSIONE

In qualità di associazioni, comitati, rappresentanti di partiti e singoli cittadini, riteniamo che il patrimonio paesaggistico di Spoleto sia un “valore comune” da difendere. E crediamo quindi che insieme ai beni naturalistici, artistici e storici, rappresenti la vera ricchezza della città.

Tutto ciò costituisce la principale, se non unica, fonte di crescita anche economica per la comunità spoletina.

È stato con tale consapevolezza che nel 2007, sostenuti dalle 3000 firme di cittadini consapevoli che risposero all’appello lanciato in difesa del paesaggio, abbiamo costituito il “Coordinamento Difesa Ambiente Spoleto”.

Ed è con lo stesso spirito che oggi sottoscrivono la presente richiesta anche soggetti diversi da quelli allora coinvolti, condividendo idee ed obiettivi di quello che fu un momento  di acceso dibattito che  coinvolse anche giornali e  reti nazionali. Una grande mobilitazione civile a cui gli spoletini parteciparono con viva preoccupazione per la sorte di scorci inalienabili del paesaggio cittadino

La mobilitazione culminò nella manifestazione del 9 Giugno 2007, quando più di 600 cittadini (stima della Polizia di Stato) sfilarono con cartelli di protesta per le strade  di Spoleto. Ricordiamo qui la presenza a quella marcia di parlamentari come Piero Folena e Tommaso Sodano che si fecero carico delle preoccupazioni dei cittadini, presentando interrogazioni parlamentari e rivolgendosi, in merito alla questione, all’allora Ministro dei Beni Culturali Francesco Rutelli.

È opportuno ricordare che la nostra Costituzione sancisce all’art. 118:

“Stato, regioni, province, città metropolitane, comuni favoriscono l’autonoma iniziativa di cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale sulla base del principio di sussidiarietà”.

Si tratta, in tutta evidenza, di una nuova forma di sovranità popolare, ormai universalmente riconosciuta e che le autorità sono tenute non solo a sostenere, ma anche a proteggere.

A fronte di tutto ciò siamo rimasti attoniti nell’apprendere che molti di quelli che parteciparono alla protesta civile si sono visti recapitare denunce per diffamazione proprio a causa di tale adesione. Una decina di denunce (limitatamente a quelle di cui si è riusciti ad avere contezza) provenienti tutte dalla stessa persona.

Una sorta di “caccia alle streghe” che ha messo insieme in tempi diversi, ma con la stessa motivazione, rappresentanti di associazioni ambientaliste come Alessandra Paciotto di Legambiente, Alessandro Asinari del Comitato Contro lo Svincolo Sud, attivisti politici come Giampiero Calabresi, giornalisti che avevano scritto articoli e riportato cronache, privati cittadini come il Generale Igino Raspadori, personalità del mondo accademico come l’etruscologo Mario Torelli professore presso l’Università di Perugia che ricopriva allora l’incarico di membro del comitato del settore Beni Archeologici presso il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, lo scrittore inglese Michael Jacob a cui di recente “Amici di Spoleto” ha conferito la “Lex Spoletina 2011” non solo per la sua produzione letteraria ma anche, come dissero il presidente dell’associazione Loreto Luchetti ed il sindaco Benedetti nel conferirgliela, per la sua ‘attività nella difesa ambientale di Spoleto’.

È sulla base di questo sconcerto e preoccupati per il vulnus che tali denunce rappresentano alla libertà di opinione, di critica e di espressione delle proprie idee nella nostra città, che facciamo appello al Sindaco di Spoleto, affinché si  levi anch’egli a difesa di tutti coloro che, in forza del principio costituzionale di sussidiarietà , hanno difeso la città di Spoleto che lui governa.

Non possiamo non aspettarci, da chi ha lavorato per tutelare questo Patrimonio Mondiale dell’Umanità, una coerente e vigorosa presa di posizione contro la gravissima azione intimidatoria e repressiva che in questi giorni si sta consumando a Spoleto.

Spoleto, li 25.7.2012.

FIRMATO

Associazione culturale Casa Rossa

Centro culturale Città Nuova

Circolo SEL, Spoleto “Enrico Berlinguer”

Circolo Rifondazione Comunista Spoleto “E. Martinelli”

Cittadinanzattiva, sez. Spoleto

Cittadinanzattiva, Umbria

Cittadini per Spoleto

Comitato 23 Ottobre

Comitato Contro lo Svincolo Sud

Comitato Colli di Spoleto

Donne Contro La Guerra

FIOM-CGIL, Spoleto

Italia Nostra, sez. Spoleto

Italia dei Valori, Spoleto

Italia dei Valori, Coordinamento provinciale

Legambiente, circolo di Spoleto

Legambiente, Umbria

Movimento 5 Stelle

Rinnovamento per Spoleto

Unione Sindacale di Base territoriale

Unione Sindacale di Base regionale

WWF, sez. Spoleto

Vanessa Pallucchi, Presidente nazionale Legambiente scuola e formazione

Stefano Vinti, Rifondazione Comunista

Per ogni comunicazione si contatta il numero: 0743 220722.