A TRE PUNTO LINEA PUNTO (TELE TERNI) PIERPAOLO MARCONI PARLA DELL’OLOCAUSTO DEI DISABILI

Forse non tutti sanno che il genocidio nazista cominciò dai disabili. Alcune ricerche storiche, infatti, hanno dimostrato che in Germania l’olocausto ebbe inizio nel 1933  con un piano di sterminio dei malati incurabili e dei disabili fisici e mentali, ritenuti una minaccia per l’economia e un terribile pericolo di degenerazione per la purezza della razza, attraverso una legge denominata “Legge sulla prevenzione della nascita di persone affette da malattie ereditarie” che introduceva la sterilizzazione forzata delle persone ritenute portatrici di malattie ereditarie. Il risultato fu la sterilizzazione di più di 400.000 persone durante i 12 anni di regime.

             Successivamente furono ordinate le uccisioni dei bambini giudicati fisicamente o psichicamente disabili, mentre veniva fatto obbligo a medici e ostetriche di denunciare i nascituri con problemi di handicap in base al decreto emanato “Obbligo di dichiarazione di neonati deformi”. Alcuni tra questi bambini furono utilizzati come cavie, altri invece sterminati ancora in fasce in camere a gas. Furono diverse migliaia le piccole vittime.

             Nella seconda metà del 1939, si passò dall’eutanasia infantile al genocidio dei ragazzi e degli adulti. Secondo la legge morale nazista, questi esseri considerati imperfetti, non avevano motivo di vita. Hitler diede un ordine molto generico per l’inizio dell’azione di eutanasia che di fatto lasciava carta bianca ai medici.

Il Gruppo Mandela ha rappresentato recentemente una drammatizzazione sull’argomento       dal titolo “ La Gita” con la consulenza scientifica di Marcello Ricci e della regista Irene L0esch. Oggi siamo certo lontani dall’orrore dell’eliminazione fisica di malati e disabili, ma la piena inclusione e la piena applicazione dei loro diritti è un cammino che va continuamente difeso, proprio in momenti di crisi, quando si torna a fare i conti e a parlare di costi e di tagli ai servizi sociali.

            Per approfondire l’argomento

domani alle ore 18,30

su Teleterni

durante la trasmissione “Tre Punto Linea Punto”

 Pietro Paolo Marconi

ha invitato:

il Prof. Marcello Ricci – Insegnante di Storia e Filosofia

e la regista Irene Loesch